Contenuto principale

Messaggio di avviso

Comunicati

Biblioteca del Centro Documentazione Donna

logo cdd
via Terranuova 12/b – Ferrara

venerdì 7 dicembre 2018

ore 18


Eleonora Rossi
Diario di una peccatrice

Dialoga con l'autrice Giovanna De Simone
Canzoni interpretate da Laura Raimondi

 

“Diario di una peccatrice” è un racconto in versi: la parabola di una riconciliazione con la Vita. Un percorso al femminile, dalla delusione alla rinascita: l'io narrante Maddalena azzera la rabbia, frantuma i modelli ideali e le «celle di cristallo», per iniziare «il lavoro di diventare se stessa». «Io non dico mai bugie. Le scrivo». In bilico tra l'immaginare e il vivere, le pagine di diario oscillano tra ragione e sentimento, tra menzogna e parola vera. Perché nel conflitto – nei suoi movimenti sistole e diastole - è il battito dell'esistenza. Che cosa è “peccato”?  
Il vero peccato è la perfezione, l'ordine immobile delle cose («Lascia cantare/ all'Oceano/ la favola del/ per sempre»). L'esistenza autentica è ascolto del desiderio, comprensione, cambiamento. «Il mio peccato è bellissimo», sorride la voce poetica: «Il mio peccato è la Vita».
«La legge che più conta – scrive Massimo Recalcati - è la Legge del proprio desiderio, la Legge dell'amore. Decidi, scegli, assumi la tua vita, non lasciarti intrappolare da una soluzione facile, non rinunciare alla tua libertà». Libertà di sospendere il giudizio, di uscire da una vita “perfetta”, raggelata dalle definizioni, dalla paura di sbagliare e di soffrire. Nemmeno la sofferenza è per sempre. «Continua ad amare» è l'assoluzione, ma anche la soluzione. Solo il perdono – degli altri ma soprattutto di sé – alleggerisce il cammino.

 

Eleonora Rossi è nata a Ferrara nel 1971. È insegnante, autrice e giornalista. Collabora con «Il Resto del Carlino» e altre testate giornalistiche, è direttrice responsabile della rivista «l'Ippogrifo» e autrice del libro “Le sette vite di Penelope” (LietoColle, 2012). Sue composizioni sono presenti in antologie poetiche e la sua scrittura è stata apprezzata in numerosi concorsi letterari. Nel 2017, dopo aver vinto il Premio Cet, si è diplomata al Corso per Autori della scuola di Mogol.

Giovanna De Simone, è nata a Parma nel 1971, è operatrice al Centro Donna Giustizia di Ferrara e autrice del libro “Avanti il prossimo. Storie di ordinaria prostituzione” (2016). Dal 2015 pubblica sul sito www.tinasimone.it

Laura Raimondi è nata a Milano nel 1990. Cantante, autrice e attrice, a 11 anni viene accettata al Conservatorio di Milano Giuseppe Verdi e debutta all’Auditorium di Milano nel Coro delle Voci Bianche, sotto la direzione del M° Chailly. Due anni più tardi si appassiona alla musica leggera e inizia a studiare con Ginetta Tarenzi, vocal coach di Mia Martini, Alexia e Massimo Ranieri. È diplomata in recitazione presso il Teatro Carcano e in canto moderno presso il CPM di Franco Mussida. Dal 2012 si perfeziona con il Maestro Zappatini. Nel 2014 pubblica il suo primo album “Cabaret macabro” e con il conseguente tour e spettacolo teatrale “Cabaret macabro – Sei personaggi in cerca di cantautore”, si esibirà nei principali teatri italiani, raccogliendo il plauso di artisti quali Francesco Renga ed Elio Fiorucci.

Libreria IBS + ll Libraccio

Palazzo San Crispino
piazza Trento Trieste – Ferrara

mercoledì 28 novembre 2018

ore 18


Bruna Tadolini
L’evoluzione al femminile

L’incontro è organizzato dal Centro Documentazione Donna

 

Paradossalmente, da una società primitiva in cui le femmine valevano molto perché producevano un bene raro e prezioso (i propri figli), si è passati ad una società “evoluta” in cui le femmine valgono ben poco poiché sono semplici fattrici di una merce che abbonda e che è usata come carne da lavoro in tempo di pace o da macello in tempo di guerra. Il libro ripercorre i punti salienti dell’evoluzione animale evidenziando il contributo dato allo sviluppo dei cambiamenti anatomici e fisiologici che si sono verificati a carico del sesso femminile.

 

Bruna Tadolini, dopo diverse esperienze di ricercatrice negli Stati Uniti e in Italia, ha insegnato biochimica e biologia molecolare presso le Università di Bologna e Sassari. Ha pubblicato oltre 70 articoli su riviste internazionali. Terrà un corso di sei lezioni presso il Centro Documentazione Donna (via Terranuova 12/b) in cui svilupperà i vari passaggi dell’evoluzione animale.

Biblioteca del Centro Documentazione Donna

logo cdd
via Terranuova 12/b – Ferrara

 

giovedì 29 novembre 2018

ore 17


Lisa Pareschi
I diritti degli animali

In collaborazione con il Teatro Comunale di Ferrara

 

Sentiamo spesso parlare di violenza oggi e quando si parla di violenza sugli animali l’opinione pubblica giustamente s’indigna. Quanto è cambiata la percezione e la concezione della sofferenza animale negli ultimi decenni? Da dove nasce l’abuso che gli animali umani perpetrano ai danni dei loro simili non umani? In tutto ciò affonda le sue radici il concetto di specismo e conseguentemente di anti-specismo, che si oppone all'idea di superiorità umana a discapito di tutte le altre forme di vita. La rivendicazione dei diritti degli animali è un tema oggi molto sentito e discusso, che comprende una grande varietà di declinazioni.

 

Lisa Pareschi, ferrarese d’annata 1993, è laureata in Filosofia con una tesi in bioetica e una in filosofia del diritto. Si occupa di sperimentazione farmacologica e di diritto animale. Scrive per Leggere Donna e collabora sia con Luciana Tufani Editrice che con il Centro Documentazione Donna. Ha fondato il suo blog di filosofe “Filosofemme”.

Biblioteca del Centro Documentazione Donna


via Terranuova 12/b – Ferrara

 

sabato 24 novembre 2018

ore 16

 

Cristina Zanella
presenta il nuovo libro di
Michela Poser
E se ti amo a te cosa importa?

(ed. Gli Elefanti)

 

L’amore è una cosa banale. In “E se ti amo a te cosa importa” si parte da questo assunto. In un’epoca che esalta questo sentimento innalzandolo a simulacro immaginario di tutte le gioie umane,  l'autrice sposta il punto di osservazione dell’argomento su un piano assolutamente personale. Attraverso la vita affettiva delle due protagoniste, la figlia Sveva e la madre Alice, si snoda la storia di una famiglia raccontata attraverso la descrizione degli eventi intimi e segreti che si muovono al di sotto del visibile a tutti. Due modi di interpretare l’amore, due strade che pur avendo in comune la partenza, porteranno in posti diversi, dove le loro coscienze non troveranno pace, ma dubbi, rimpianti e la consapevolezza inconfessata che l'unica persona che non possiamo imparare ad amare veramente siamo noi stessi e il resto viene di conseguenza.

 

Michela Poser, Nata in Germania nel 78, veneta d’origine emiliana d’adozione, ha preso una laurea in filosofia quando era ancora giovane. Vive a Ferrara. Tiene un blog “volevo stare zitta”.