Contenuto principale

Messaggio di avviso

Ridotto del Teatro Comunale di Ferrara

giovedì 15 novembre 2018

ore 17

Letizia Lanza

Donne del Settecento veneziano

Incontro a cura del Centro Documentazione Donna

 

 

L’immaginario su Venezia è legato soprattutto al Settecento, secolo in cui la città ha attraversato il suo periodo più felice diventando simbolo di libertà e dolcezza di vivere.   In quell’epoca le donne godevano di prestigio ed erano presenti sia nelle attività commerciali che in quelle artistiche.

Numerose erano le attrici e le cantanti famose, come pure le ballerine; Luisa Bergalli dirigeva un teatro ed era capocomica e commediografa, i concerti delle ragazze dei conservatori femminili erano seguiti da un vasto pubblico.

Erano donne le animatrici dei salotti, i “casini” in cui si riunivano gli intellettuali sia veneziani che di passaggio per parlare di letteratura e arte ma anche di politica.

Esistevano scuole di pittura per donne come quella diretta da Rosalba Carriera che ebbe come allieve sia le sorelle che Felicita Sartori e altre pittrici di una certa fama. Grande pittrice vissuta in quegli anni era Giulia Lama.    

Vivace era la vita culturale nel suo complesso: non poche erano le scrittrici e, caso abbastanza raro in altre città, erano presenti anche fondatrici e direttrici di giornali come Elisabetta Caminer e Gioseffa Cornoldi; Luisa Bergalli, poeta ella stessa, redasse la raccolta di opere poetiche di donne “Componimenti poetici delle più illustri rimatrici d’ogni secolo”.

Letizia Lanza, antichista veneziana molto apprezzata, è autrice di un gran numero di saggi che spaziano tra letteratura e archeologia. Significativa è la sua attenzione alla presenza delle donne nelle varie epoche storiche, in particolare nell’antica Grecia e a Venezia. Collabora a diverse riviste tra cui «Nexus» e «Senecio» e svolge attività di editing per l’editrice Supernova. Ha pubblicato diverse raccolte di poesie.