Contenuto principale

Messaggio di avviso

Comunicati

Biblioteca

del

Centro Documentazione Donna

via Terranuova 12b – Ferrara

venerdì 1 dicembre 2017

ore 17

Libri migranti
(Cosmo Iannone, 2015)

ne parla l’autrice

Melita Richter

 

«Quando migriamo – e non necessariamente obbligati dalla fuga – quanto spazio trovano i libri, o un libro solo, nella nostra valigia?»

Quali libri riteniamo così necessari da dover essere portati con noi in un viaggio di sola andata? Non è una domanda facile: troppi sono i libri che  sono stati parte essenziale della nostra vita, abbiamo amato e abbiamo voluto tenere con noi; troppo spazio nella valigia.

Non è una scelta facile perché in essa si giocano la nostra identità e il nostro rapporto con il mondo: chi siamo, chi vogliamo essere, quali aspettative ci prefiguriamo.

«Un libro che ci accompagna prolunga il legame ombelicale con quello spazio intimo che continuiamo a chiamare casa».  
Così Melita Richter, scrittrice e studiosa di origine croata residente da molti anni a Trieste, descrive la funzione che i libri possono avere per chi  emigra. Una  frase che ben illustra lo spirito che ha animato la sua idea di invitare una varietà di persone, che condividono la condizione della migranza verso l’Italia, dall’Italia all’estero e dal sud al nord dell’Italia a raccontare il loro rapporto coi libri. Da questa idea è nato
Libri migranti, un caleidoscopio di racconti, 39, di stile e genere diversi: molti autobiografici, altri creativi, tutti legati dal filo rosso dell’amore per i libri.

 

Melita Richter, nata a Zagabria, vive a Trieste dal 1979. Sociologa, saggista, docente universitaria. Autrice, coautrice e curatrice di un gran numero di libri che hanno quasi sempre per tema l’interculturalità, gli studi di genere, il conflitto jugoslavo. Collabora a riviste nazionali e internazionali sui temi dell’interculturalità, integrazione europea e questioni balcaniche. Già docente di Letteratura serba e croata moderna e contemporanea alla Facoltà di Lettere e filosofia dell’Università di Trieste, e del Corso ‘Donne, politica e Istituzioni’ presso la stessa Università.  È tra le fondatrici della Casa internazionale delle donne di Trieste. Socia della SIL - Società italiana delle letterate. Per la SIL ha curato il Quaderno no.1 sul tema “Terzo spazio”, Trieste, 2011. Fa parte del Comitato di redazione di «El Ghibli», Rivista di letteratura della migrazione. Scrive poesia. È socia della “Compagnia delle poete”, fondata da Mia Lecomte.

Il polo ferrarese sta migrando i propri archivi da Sebina OPAC al nuovo ambiente Sebina NEXT.
 
PERTANTO:
 
lunedì 27 novembre e martedì 28 novembre: Potrà essere utilizzato l'OPAC per sola consultazione e non per effettuare operazioni, ad esempio richieste di prestito.
 
Ricordiamo che con il passaggio a NEXT il vecchio OPAC verrà definitivamente dismesso. Rimarrà in funzione solo BIBLIOFE.
 
Il termine completo della migrazione dovrebbe essere giovedì 30 novembre.

è premura di Arlotti Alessandra, curatrice dell'incontro di stasera (venerdì 17 novembre ore 21), comunicare che il tema sarà il teatro in senso generico come mezzo di consapevolezza e più specificatamente si parlerà di teatro non duale.

L'incontro NON riguarderà il laboratorio da lei avviato.

Biblioteca

del

Centro Documentazione Donna

via Terranuova 12/b - Ferrara

giovedì 23 novembre 2017

ore 17

L’invenzione della razza

ne parla

Giulia Ciarpaglini

 

Perché la stessa persona viene considerata nera negli stati Uniti, mulatta nei Caraibi e in Sudafrica e bianca in Brasile?  Si definisce razzismo un pregiudizio relativo alla discendenza etnica associato a pratiche discriminatorie. Non si è sviluppato linearmente nei secoli, né tantomeno consiste in una predisposizione naturale dell’essere umano. Dagli antichi pregiudizi agli stereotipi, dalle lotte di religione alla purezza de sangre, dalla tratta degli schiavi alle elaborazioni scientifiche, dal nazionalismo ai genocidi, il razzismo è sempre stato una questione politica e sociale e come tale si è costruito e manifestato in modi e tempi differenti a seconda dei luoghi e delle condizioni. Il razzismo istituzionale è pressoché sparito da una ventina d’anni, ma quello informale no. C’è ancora molta da strada da fare fino al pieno riconoscimento della dignità di ogni essere umano e dell’integrità dei diritti per ognuno di noi.

L’incontro fa arte del ciclo “Alle origini della diversità”  che il CDD sta organizzando a partire dall’autunno del 2016.

Giulia Maria Ciarpaglini, nata ad Arezzo e ferrarese dal 1975, ha studiato a Milano, Ferrara e Trieste e si è a lungo occupata di problematiche legate alla psichiatria. A cura del Comune di Ferrara ha pubblicato Una stagione particolare, (1998) sui Gruppi Appartamento e la lotta antiistituzionale in questa città. Con l’editrice Ogni Uomo è tutti gli uomini di Bologna ha pubblicato i racconti Cronaca di mezz’ora (2009) e Si chiamava Trowta Millicent Burton (2010). Con le edizioni  Tufani ha pubblicato i romanzi Un segreto, anzi due (2010) e Assassinio alla casa delle donne (2015). Colla bora alla rivista «Leggere Donna». Fa parte del Centro Documentazione Donna di Ferrara di cui dirige la biblioteca.

Biblioteca

del

Centro Documentazione Donna

via Terranuova 12/b – Ferrara

mercoledì 15 novembre 2017

ore 17

Un tè con Jane Austen

a cura di

Laura Bertolotti

Il Centro Documentazione Donna si è occupato spesso di Jane Austen, con incontri a tema, cicli di film e altro. In occasione del bicentenario della morte di Jane Austen, ripropone un incontro per confrontarsi sull’attualità dei suoi romanzi e la vitalità della sua scrittura.

Grandissima scrittrice, molto amata, Jane Austen ha generato un culto di cui testimoniano i molti club creati a suo nome. Tra Austenland e Austenmania il suo nome continua ad attirare lettrici e lettori, che spesso non solo la rileggono ma ne ripercorrono le tracce nei luoghi in cui ha vissuto.

L’incontro di mercoledì 17 sarà una chiacchierata informale, con letture dai suoi romanzi accompagnate da

tè e pasticceria.

Tè e pasticcini a offerta libera.

Laura Bertolotti è impegnata nell'ambito della promozione alla lettura e anima seminari sull'argomento. Si occupa prevalentemente di scrittura femminile ma volge il suo interesse anche alla letteratura per l'infanzia. Scrive articoli e recensioni per riviste nazionali e siti web, è ideatrice e amministratrice del blog Lauradeilibri: www.lauradeilibri.blogspot.com