Contenuto principale

Messaggio di avviso


Marino Buzzi

Pride vs Prejudice.
Orgoglio gay contro omofobia e bullismo

In occasione della programmazione al Teatro Comunale di Ferrara dello spettacolo Pride, che è stato presentato dal 26 la 29 gennaio scorsi, il Centro Documentazione Donna organizza un incontro, che col titolo Pride vs Prejudice, Marino Buzzi condurrà parlando di omofobia e bullismo.
L’incontro fa parte di quelli che il CDD organizza come eventi collaterali alle stagioni di prosa del Comunale ed era stato messo in calendario già dalla primavera scorsa, quando era stato deciso il programma della stagione di prosa 2016-2017 ma, quando in autunno al CDD si è deciso di dedicare un ciclo di incontri al tema della diversità – “Alle origini della diversità” – si è visto che Pride vs Prejudice bene si inserisce anche in quest’altra serie di incontri.
Pride vs Prejudice, col suo titolo che parafrasa e omaggia Jane Austen, tratta di una delle tante diversità che la cultura patriarcale ha creato. Nello spettacolo diretto e interpretato da Luca Zingaretti molti sono gli spunti di riflessione che Marino Buzzi discuterà, a partire dal senso di paura che la società non inclusiva genera in coloro che vengono considerati diversi o non uniformati al pensiero comune.
La paura di essere giudicati, respinti, isolati a volte perseguitati, offesi, picchiati, uccisi.
Malgrado i cambiamenti che si sono verificati nella seconda metà del Novecento, ancora oggi permangono delle chiusure nei confronti dell’omosessualità, di cui il bullismo crescente è in parte una conseguenza.

Marino Buzzi, librario e scrittore, ha collaborato in passato con le edizioni Tufani e con la rivista «Leggere Donna» e il suo primo romanzo, “Confessioni di un ragazzo perbene”, è stato pubblicato proprio dalle edizioni Tufani nel 2011. Sono seguiti: “Un altro bestseller e siamo rovinati” (Mursia 2011), “L’ultima volta che ho avuto sedici anni” (Baldini & Castoldi 2015 ) e, uscito di recente, “L’uomo che cade” (Mursia 2016 ). Marino Buzzi pubblica anche una pagina facebook e un blog, “Cronache dalla libreria”, molto seguiti.