Contenuto principale

Messaggio di avviso

Giovedì 23 novembre, ore 17

Giulia Ciarpaglini parla di L’invenzione della razza
L’incontro fa parte del ciclo Alle origini della diversità
(leggi il comunicato)

16 marzo 2017 – ore 14.30-18.30

Centro Documentazione Donna

Via Terranuova, 12 ‒ Ferrara

Femminismo ed economia: una riflessione teorica

 

Programma:

ore 14.30 Saluti di Caterina Ferri (Assessora alle Attività produttive del Comune di Ferrara)

 

I sessione

Presiede e coordina: Luciana Tufani

Sandra Rossetti

Il marxismo e la lotta per la liberazione di genere

Stefania Tarantino

Equilibriste e funambole. Il lavoro delle donne tra vita materiale e libertà.

Genevieve Vaughan

L’economia del dono

 

II sessione

Presiede e coordina: Anna Quarzi

Lidia Menapace

Economia politica della differenza sessuale

Antonella Picchio

Una prospettiva femminista su teorie e politiche economiche

Silvia Borelli

Il valore del lavoro e la segregazione di genere


20 marzo 2017 – ore 14,30-18.30

Istituto di Storia Contemporanea

Vicolo S. Spirito 11 – Ferrara

Strategie e nuove prassi

 

Programma:

ore 14.30 Saluti di Annalisa Felletti (Assessora alle Pari opportunità del Comune di Ferrara)

 

I sessione

Presiede e coordina: Anna Quarzi

Antonella Cagnolati

Sguardi pionieristici sulla disuguaglianza economica: Charlotte Perkins Gillman

Anna Simone

L'inclusione differenziale delle donne nella società del management

 

II sessione

Presiede e coordina: Luciana Tufani

Franco Cazzola

La contessa economista e i suoi contadini: Maria Pasolini  

Emidia Vagnoni

Leadership e imprenditorialità: differenze di genere

Giuditta Brunelli

L'esclusione delle donne dalla sfera giuridico-economica: il caso
dell'autorizzazione maritale.

 

Per informazioni, rivolgersi alle direttrici del comitato scientifico:

Antonella Cagnolati: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sandra Rossetti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

Quando se non ora?

Scrivere per non avere paura

Laboratorio di scrittura di esperienza

A cura di Adriana Lorenzi

Premessa

Si associa spesso il coraggio all’assenza di paura, eppure questa è più spesso segno d’incoscienza poiché implica il disprezzo di ogni allerta e rende pericoloso il soggetto per sé e per gli altri. Quando si ha paura, si rimane paralizzati, o si fugge via, oppure si sceglie di fronteggiare la paura, nutrendola di coraggio. Il coraggio va allenato e la scrittura può diventare il mezzo per irrobustirsi e non avere paura della paura.

Quando si supera la propria paura, si tocca con mano il coraggio dimostrato e cresce in autostima, aumenta la voglia di fare al meglio delle proprie possibilità e capacità.

Le persone di coraggio sono quelle che hanno deciso non solo di esistere, ma di farsi carico della propria e dell’altrui esistenza. Sono quelli che hanno raccontato la loro storia per trasformarla in traccia da seguire, in esempi di responsabilità, dignità, riconciliazione con i propri limiti e le contingenze della realtà circostante, sopportazione delle difficoltà, rinunciando ad alibi e scappatoie.

Finalità

Accompagnare le persone a farsi coraggio e infondere coraggio ad altri attraverso la scrittura di frammenti della propria esperienza. Le storie che ciascuno può scrivere sugli eventi vissuti possono diventare unità narrative capaci di dare valore al passato e prefigurare il futuro. Scrivendo ciascuno si dota di un coraggio generativo per non farsi piegare - magari anche spezzare – dagli accadimenti della vita. Quando se non ora? E così si assume il rischio di raccontarsi e raccontare insieme ad altri.

Obiettivi

  • Aumentare la capacità narrativa in merito alla propria storia di vita

  • Fare emergere unità di senso della propria storia

  • Consolidare l’abilità di ascoltare le storie altrui

  • Incrementare la consapevolezza delle possibilità di costruzione di nuovi legami e reti di relazione tra soggetti variando i copioni narrativi

Metodologia

La conduzione del lavoro è ispirata alle teorie andragogiche che pongono al centro del lavoro il dato esperienziale dei partecipanti stimolandoli alla riflessività.

La metodologia di lavoro sarà prevalentemente deduttiva come si conviene a una modalità laboratoriale che, in questo caso, sarà incentrata sulla scrittura.

Le fatiche della scrittura

Scrivere non è facile, perché nell’esperienza di ciascuno le rappresentazioni più immediate riferite alla scrittura sono:

  • La scuola, dove la scrittura è un compito da svolgere e da consegnare all’insegnante che corregge e giudica

  • Il dono innato, per cui la buona scrittura è una dote originaria più che il frutto di un apprendimento

Per queste ragioni (timore della valutazione e inutilità dell’esercizio di scrittura) ci si disaffeziona a tale pratica preferendo l’oralità o forme contratte di scrittura.

Eppure la scrittura è una struttura che struttura e quindi si fa portatrice di disciplina, metodo e responsabilità. Le storie possono regalare soddisfazione, fierezza quando si riesce a raccontare bene la propria storia di vita e farla circolare affinché sia una forma di testimonianza, un resoconto di quanto patito e gioito.

Il percorso, configurandosi quale formazione agli adulti valorizza l’apporto personale ed esperienziale dei soggetti, privilegia la partecipazione attiva e le metodologie induttive. Su argomenti di particolare interesse verranno forniti specifici contributi teorici.

Come strumenti didattici si farà ricorso alla scrittura tramite induttori, alla lettura ad alta voce, a discussioni in gruppo.

 

Contenuti

Tra i contenuti che verranno trattati si ipotizzano alcuni temi:

  • La scrittura come tecnica di trasformazione e di apprendimento

  • L’istinto di narrare e trasformare ogni cosa in una storia

  • La memoria e i ricordi

  • Le sfide della vita con tutte le sue paure

  • Il coraggio come paura superata

  • La gratitudine e il riconoscimento di un debito

 

Aspetti organizzativi

Affinché il percorso formativo possa costituire una effettiva occasione di cambiamento si dovrebbero rispettare i seguenti criteri:

  • Numero delle partecipanti: massimo 20 per garantire a tutte la possibilità di esprimersi, scrivere e leggere i propri testi durante l’incontro

  • Durata di ogni unità di lavoro: minimo 2 ore, necessarie per trattare l’oggetto di lavoro in modo adeguato e consentire a tutte tempi e modi per dialogare e approfondire

 

auguri

La Biblioteca del Centro Documentazione Donna rimane chiusa dal 

27 dicembre 2016 al 5 gennaio 2017

AUGURI !

 

Catalogo: http://opac.unife.it/SebinaOpac/Opac

 

Art. 1 - Finalità

La Biblioteca , per mezzo degli acquisti e donazioni di libri e di documenti cartacei e registrati su supporti informatici, nonché attraverso la loro conservazione, concorre a garantire il diritto all'informazione, allo studio, alla lettura e alla cultura .  

Art. 2 - Tipologia dei servizi e costi  

Servizi di base (gratuiti):

- lettura in sede

- consultazione del catalogo

- consultazione dei documenti  

- consulenza e orientamento

- prestito locale

Servizi a pagamento:

- Fotocopie 0,10 euro a copia 

- Stampa su carta di dati 0,05 Euro  

- Invio postale di documenti 1,50 Euro per spese postali + 0,05 Euro a   fotocopia  

Art. 3 - Utenti minorenni  

Gli utenti minorenni possono accedere ai servizi previa sottoscrizione da parte di un genitore o di chi ne fa le veci dell'apposito modulo. 

Art. 4 - modalità del prestito  

- Sono ammessi al prestito tutti i documenti non riservati alla sola consultazione (opere di pregio,enciclopedie, riviste).  

- Per particolari ragioni di studio è possibile consentire il prestito dei documenti riservati alla sola consultazione dietro presentazione di richiesta scritta a persone conosciute in ragione della loro attività professionale.

- Il prestito è consentito ai residenti nel Comune e nella provincia e coloro che svolgono attività di studio o di lavoro in città dimostrabile con idonea documentazione (libretto universitario, tesserino rilasciato dal datore di lavoro ecc)  

- La durata del prestito è di 30 giorni, rinnovabili anche tramite telefono e posta elettronica.  

 

Sottocategorie

Elenco dei nuovi libri catalogati nella biblioteca del Centro Documentazione Donna.

nuovi arrivi