Contenuto principale

Messaggio di avviso

Biblioteca del Centro Documentazione Donna

via Terranuova 12/b – Ferrara

lunedì 19 febbraio, ore 18

 

Incontro con Vera Vigevani Jarach

Vera Vigevani è nata a Milano nel 1928 e dieci anni più tardi dovette emigrare in Argentina perché le leggi razziali le impedivano di andare a scuola e di avere una vita normale. Suo nonno rimase in Italia e finì deportato ad Auschwitz.

In Argentina Vera sposò Giorgio Jarach e lavorò fino alla pensione come giornalista all'ANSA di Buenos Aires. 
Nel 1976, quando il colpo di stato ordito da Jorge Rafael Videla  instaura la dittaura, tra le vittime del regime c'è anche Franca Jarach, la figlia diciottenne di Vera.

A Vera Vigevani, che appartiene al movimento de las Madres de Plaza de Mayo fin dai primi mesi della sua fondazione, piace definirsi “una partigiana della memoria”. Vera ha più volte spiegato che, continuando a portare la sua testimonianza, lotta per la creazione di una memoria condivisa, affinché nessuno dimentichi e certi orrori non possano più ripetersi.