Contenuto principale

Messaggio di avviso

Biblioteca del Centro Documentazione Donna

logo cdd

via Terranuova 12/b - 44121 Ferrara

 

giovedì 21 febbraio 2019

ore 17

Luciana Tufani

parla di

Rilettura di un mito: il Minotauro

I miti greci, come pure le tragedie, sono una testimonianza indiretta del passaggio da società precedenti  pacifiche e egualitarie  alle successive  società patriarcali violente e gerarchiche. Il mito di Arianna e del labirinto ne è un esempio e, se letto con occhi attenti, e al di là delle numerose riletture di tipo psicanalitico che ne sono state fatte, mostra come per giustificare il proprio predominio le popolazioni che hanno invaso Creta – una delle ultime società pacifiche di cui i reperti archeologici hanno  lasciato testimonianza – hanno creato un mito in cui un animale che era sacro, il toro,   è stato trasformato in mostro, il Minotauro,  nato dalla passione  incontrollabile di una donna lussuriosa, la società cretese è stata descritta come violenta, le donne che vi avevano una posizione importante  (se non proprio quella di signora della città) relegate in ruoli minori: Pasifae moglie ispiratrice del tiranno, Arianna figlia e sorella che si allea con l’invasore e che in tal modo ne favorisce la “giusta”  vittoria.

Luciana Tufani nata a Trieste, da madre slovena e padre napoletano, ha vissuto nei primi anni in diverse città e paesi per poi approdare prima a Milano, dove ha frequentato le scuole elementari e medie e infine a Ferrara dove ha frequentato il liceo classico e poi l’università, laureandosi in Chimica. Ha poi insegnato per anni in molte scuole della città e della provincia, sia medie che superiori, materie scientifiche. Sempre a Ferrara, ha fondato nel 1980 il Centro Documentazione Donna che tuttora dirige. La sua casa editrice pubblica la rivista bimestrale Leggere Donna.

L’incontro è organizzato in collaborazione con il Teatro Comunale di Ferrara in occasione dello spettacolo di Angela Finocchiaro “Ho perso il filo”.